Clamoroso effetto boomerang delle sanzioni alla Russia: ci faranno pagare anche i loro costosi beni



▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Ritengo che fermare la #guerra in #Ucraina, come tutti auspichiamo, sarebbe in realtà assai semplice: basterebbe che l’Ucraina accettasse la propria neutralità rispetto alla #Nato e che dunque la Nato stessa accettasse di non avvicinarsi ulteriormente a #Mosca. Quella è la causa primigenia del conflitto, la violazione dei patti di #Minsk, l’atlantizzazione irresponsabile degli spazi post-sovietici, l’accerchiamento esiziale della Nato ai danni di Mosca.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

In ogni caso, la via delle #sanzioni seguita dall’#Europa è controproducente, oltre che sbagliata. È controproducente perché le sanzioni alla #Russia danneggiano il sanzionante non il sanzionato. Ciò vale a maggior ragione nel caso del congelamento dei beni dei cosiddetti #oligarchi russi. Preciso subito: non ho alcuna simpatia per gli oligarchi siano essi russi, americani, cinesi o australiani. È una questione di classe, avrebbe detto Marx. Fatta questa premessa dico che è un assurdo congelare i beni degli oligarchi russi. Anzitutto perché non si tratta di un esproprio, ma di un congelamento. Quei beni per tutto il tempo del congelamento dovranno essere mantenuti. E la legge sotto questo riguardo parla chiaro, anzi chiarissimo: dovranno essere mantenuti coi denari pubblici, cioè dei cittadini #italiani. Di fatto, dovremmo noi provvedere al mantenimento dei costosi beni degli oligarchi russi.

La figura icastica è quella di chi si desse una martellata in testa pensando di fare un danno all’altra persona.

RadioAttività, lampi del pensiero con #DiegoFusaro

Source

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.