TWEET E ARTICOLI CANCELLATI, GLI INSOSPETTABILI CHE ACCUSAVANO L’UCRAINA ▷ “ORA DICONO L’OPPOSTO”



▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

L’attuale narrazione mediatica e politica della guerra in Ucraina appare oggi monolitica. L’analisi del conflitto dell’invasione russa si è strutturata in modo unitario giungendo a definire una concezione comunemente accertata e con poche dissonanze.

Un’unica armonia sembra risuonare in studi televisivi e salotti politici. Analizzando il recente passato questo univoco colore interpretativo della guerra e della situazione in Ucraina inizia però presto a scricchiolare.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Tweet cancellati, articoli dimenticati e prime pagine ormai archiviate rivelano una pluralità di visioni divenute oggi solo un lontano ricordo. Basta spulciare il passato social per scoprire opinioni, accuse sorprendenti e idee lontane dall’attuale litania univoca.

Emergono allora echi di protesta di insospettabili commentatori, oggi in linea con la narrazione dominante, puntare il dito contri i movimenti neonazisti ucraini. Prime pagine intere biasimare, ieri, la stratificata presenza nazista nella società ucraina e oggi inneggiare al contrario alla resistenza ucraina di Azov. Dalla croce uncinata al paragone con l’epopea partigiana: un salto più lungo della gamba senza dubbio.

L’intervento in diretta di Fabio Duranti

Source

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.