“Lì le telecamere erano spente”. La lettera sulla guerra che mette a nudo i responsabili – Amodeo



▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

Sono pienamente consapevole delle atrocità che stanno accadendo in #Ucraina, perché sono consapevole di quanto atroce sia una guerra. Non è in Ucraina che muoiono civili, compresi i bambini, che vengono stuprate donne, che vengono bombardate città: è in guerra che avviene tutto questo.
Non esiste la guerra buona e la #guerra cattiva, la più o la meno cruenta. Esiste la guerra con tutte le sue atrocità.

L’#Occidente, dal canto suo, non può fare la morale proprio a nessuno su quel genere di crimini, quindi è la guerra che dobbiamo tutti condannare; è alla guerra che dobbiamo tutti opporci; è la guerra che dobbiamo tutti contribuire a fermare. Ma per farlo non dobbiamo aspettare ogni volta che ne scoppi una per poi lasciar scegliere ai media se si tratta di un conflitto che deve interessarci oppure no, che deve indignarci oppure no, che deve vederci solidali con qualche bandierina da sventolare in piazza o da utilizzare sui social o se non ne vale la pena: come non ne è valsa la pena in Serbia, in Bosnia, in Afghanistan, in Iraq, in Libia, in #Siria, in Yemen (giusto per citarne alcune), per non parlare dei vari conflitti regionali in Africa o in altri luoghi che hanno fatto un numero indicibile di morti.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

No, non ho dimenticato la #Palestina, ma mi sono reso conto, chiedendo in giro, che qualcuno la bandiera della Palestina la conosce. Qualcuno l’ha anche sventolata e utilizzata sui social, a differenza delle bandierine di tutti gli altri conflitti elencati.
Tutti gli altri conflitti che ho elencato ce li hanno raccontati in bianco e nero in qualche approfondimento notturno, dei quali ignoriamo infatti perfino i colori. Occhio non vede, cuore non duole. E noi abbiamo affidato ai media #mainstream l’incarico di essere il nostro occhio sul mondo, quindi hanno il potere di imporre al nostro cuore per chi dolere, ma soprattutto quando farlo. Perciò noi continuiamo ad aspettare che muoiano altri bambini, che altre donne vengano stuprate, che altre città vengano rase al suolo.
Dopo che tutto ciò è accaduto, se a qualcuno interessa strumentalizzare il nostro dolore e la nostra rabbia, allora veniamo resi partecipi e invitati in ogni dove a condannare il responsabile. Responsabile che solitamente coincide con il nemico dei loro padroni.

CONTINUA SU: https://bit.ly/3KwhuhD

Source

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.