Ucraina, Marco Travaglio: Draghi deve chiedere al parlamento cosa deve fare. Non decide lui.



“C’è una persona che prende le decisioni da sola e quando le va fa una conferenza stampa, ora dobbiamo stabilire cosa pensa l’Italia di quello che si debba fare per il negoziato” – Così il direttore del Fatto Quotidiano contro il premier italiano sul mancato riferimento in parlamento, anche in rapporto del suo viaggio in USA ad incontrare Biden – Travaglio attacca anche Zelensky perché – “glielo dicono gli americani e gli inglesi, ritiene che ci si siede al tavolo soltanto quando i russi si sono ritirati dall’Ucraina lasciando tutti i territori che hanno finora conquistato, che è una concezione assolutamente bizzarra di una trattativa in una guerra” – Replica della Guerzoni il qual a difesa di Draghi dice che ha agito in virtù del voto parlamentare sull’invio di aiuti e armi a Kiev – Travaglio non ci sta – “Dopo tre mesi di conflitto e tanti morti da una parte dall’altra ci sono dei risultati sul campo, ci si siede al tavolo solo quando i russi avranno mollato fino all’ultimo centimetro quadrato di terreno? Perché se è così la guerra dura 10 anni ed è un’opzione. Meglio la posizione di Francia e Germania che dicono che ci vorranno delle concessioni territoriali da parte dell’Ucraina” – e conclude – “La riempiamo di soldi e di armi, avremo almeno in diritto di suggerire all’Ucraina di fare un compromesso?”.

Source

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.