STA PER FERMARSI TUTTO? – ROBERTO MAZZONI – Visto dagli Usa



Torna su Money.it l’analisi del giornalista indipendente #Roberto Mazzoni (www.mazzoninews.com), in collegamento dagli #Usa con il quale partiremo analizzando gli scenari sempre più concreti relativi alla #recessione in arrivo ed alle conseguenze delle scelte adottate negli ultimi mesi, anche in relazione alla vicenda ucraina. Roberto Mazzoni ha parlato di un documento attribuito a una think tank Usa in cui si tratteggiano scenari molto allarmanti per l’#Europa. L’autenticità del documento è stata smentita dalla stessa organizzazione e in rete i siti di fact checking lo attribuiscono a campagne di disinformazione russa e americana. A prescindere da chi ne sia l’autore, sono ipotesi realistiche? “Se venissero confermati anche crimini di guerra e l’aggressione della Russia nei confronti dell’Ucraina, la leadership politica tedesca non potrebbe superare il veto dei suoi partner nell’Unione Europea che la costringerebbero a rinforzare il pacchetto delle sanzioni e gli aiuti all’Ucraina. Questo garantirà un’interruzione abbastanza lunga nella cooperazione tra #Germania e #Russia da rendere non più competitiva l’economia tedesca. Una riduzione nelle forniture di #energia dalla Russia – in condizioni ideali una totale interruzione di tali forniture – porterebbe a un risultato disastroso per l’economia tedesca. Inoltre la necessità di dirottare una quantità significativa del gas russo per il riscaldamento residenziale e delle strutture pubbliche finirà per esacerbare la carenza. I #lockdown delle industrie provocheranno carenza di componenti e di parti di ricambio per l’industria manifatturiera, una distruzione delle catene logistiche e, alla fine, un effetto domino. E’ probabile un completo arresto delle più grandi fabbriche metallurgiche, chimiche e meccaniche, visto che non hanno alcun margine per ridurre il consumo di energia. Questo porterebbe anche alla chiusura di attività produttive a ciclo continuo con la loro completa distruzione. Le perdite cumulative per l’economia tedesca possono essere stimate in modo solo approssimativo. Se anche le restrizioni delle forniture russe si limitassero al solo 2022, le conseguenze durerebbero per diversi anni, e le perdite totali potrebbero arrivare a 200-300 miliardi di euro. Non solo assesterà un colpo devastante all’economia tedesca, ma l’intera economia dell’#Unione Europea collasserà inevitabilmente. Non stiamo parlando semplicemente di un rallentamento nel ritmo di crescita, ma di una recessione continua e in un declino del prodotto interno lordo che per la sola produzione materiale sarà del 3-4% annuo per i prossimi 5 o 6 anni. Tale crollo provocherà inevitabilmente il panico nei mercati finanziari e potrà portarli al collasso”.
__________
⮕ Iscriviti al canale YouTube: http://bit.ly/money-yt
⮕ Seguici su FB: http://bit.ly/money-it-fb
⮕ Seguici su Twitter: http://bit.ly/money-it-twitter
⮕ Seguici su Instagram: https://cutt.ly/rx4s9iH
⮕ Seguici su Twitch: http://go.money.it/jrM3

Source

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.